il biotestamento è legge, giornata storica per la libertà di coscienza

era ora, ora devo solo capire come si compila un DAT e comunque se i vescovi non sono d’accordo mica sono loro a governare,
finalmente si garantisce al malato di decidere del suo destino nel caso che non fosse più in grado di esprimersi , un diritto umano che è sempre stato osteggiato in modo ottuso dalla chiesa che ha sempre voluto dominare le menti e i corpi , come tutte le religioni , in funzione del potere , è un piccolo passo verso la libertà di coscienza degli individui che è sempre stata osteggiata dalle religioni.

http://www.adnkronos.com/fatti/politica/2017/12/14/fine-vita-cosa-cambia_cnhraEpBqp7uVenOkDFPtK.html

Pubblicato il: 14/12/2017 11:24

Dopo aver retto l’urto del voto segreto e l’esame degli emendamenti, la legge sul biotestamento è arrivata al traguardo. Il testo sulle Disposizioni anticipate di trattamento e in materia di consenso informato, già licenziato dalla Camera, è passato senza modifiche al Senato.

La legge è stata quindi approvata in via definitiva con 180 favorevoli, 71 contrari e sei astensioni. Al termine del voto finale, l’aula ha lungamente applaudito l’approvazione del provvedimento.

Cosa prevede la legge

LE REAZIONI – “Biotestamento. Dal Senato via libera a una scelta di civiltà. Un passo avanti per la dignità della persona” scrive su Twitter il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni. Il premier torna sul tema anche al termine della riunione con i leader dei Paesi del gruppo di Visegrad a Bruxelles: “Credo che sia una decisione del Parlamento che fa fare un passo avanti a tutti in termini di civiltà per il Paese e di dignità per la persona umana. Sono molto soddisfatto”.

Per la presidente della Camera, Laura Boldrini, si tratta di “un importante e positivo atto di responsabilità del Parlamento. D’ora in poi i malati, le loro famiglie, gli operatori sanitari saranno meno soli in situazioni drammatiche”.

Il presidente del Senato, Pietro Grasso, parla di “un provvedimento a lungo atteso che ha generato un ampio e acceso dibattito, sia tra le forze politiche che nell’opinione pubblica”. “Ciascun gruppo parlamentare e ciascun senatore ha espresso con forza i propri convincimenti e ogni posizione – sottolinea – merita il più profondo rispetto, nella consapevolezza che quando si esaminano tematiche così dense di significati, di dolore e di speranza, a guidarci devono essere la reciprocità e l’ascolto”.

Ci vorrà “molta attenzione nell’applicazione della legge – commenta la ministra della Salute, Beatrice Lorenzin – Avrei preferito che ci fosse stato il modo di trovare soluzioni a delle problematiche tecniche, e questo purtroppo non c’è stato. Ritengo però che, ora che è stata approvata la legge, si debba rafforzare ancora di più il rapporto tra medico e paziente perché non dobbiamo creare nessun meccanicismo”.

“Ricordiamo però che le Dat non sono l’eutanasia. In Italia l’eutanasia non si pratica, non è legale e non si può fare. Manteniamo distinte le due cose”, evidenzia Lorenzin. Quanto all’importanza di non creare meccanicismi, la ministra della Salute spiega di riferirsi “soprattutto alle persone anziane, alle persone fragili che non devono essere lasciate sole nella malattia. E quindi ci vuole una maggiore responsabilizzazione nelle terapie del dolore, nella cura e nello stare vicino ai pazienti più fragili che hanno oggettivamente più difficoltà”.

“Come ministro – conclude – mi sono sempre rimesso alla libertà di coscienza, ma ora che è legge il Biotestamento va attuato al meglio”.

Matteo Renzi ritwitta un post del Pd sull’approvazione al Senato: “Cinque anni fa un cittadino italiano non aveva il diritto di decidere il tipo di trattamento desiderato nel caso si fosse trovato in una situazione in cui non poteva più esprimere alcuna volontà di scelta. Ora è possibile. L’Italia, oggi, è un paese più civile #BioTestamento”. Poi in un post su Fb scrive: “Si tratta di un passo in avanti nella direzione della libertà e della consapevolezza dei diritti del malato. L’impegno adesso è accompagnare con cura e amore – e sempre maggiori risorse – chi vive la malattia. Accogliere, prendersi cura, accudire. E rispettare la libertà, sempre”.

TAG: Biotestamento, Fine vita, Dat, Senato, Voto

 

Annunci

2 risposte a “il biotestamento è legge, giornata storica per la libertà di coscienza

  1. Finalmente qualcosa di buono….. Ci hanno messo un po’…. Ricordo che la prima proposta di legge era arrivata da Loris Fortuna che è morto da 20 anni……..

    Inviato da iPad

    >

  2. eh sì , era davvero ora

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.