Archivi categoria: informazione e comunicazione

Immagine

i due zar, quello russo e il piccolo zar italiano

Risultati immagini per zar salvini e zar putin

Annunci

basta al fai-da-te al posto della democrazia = democrazia diretta e demagogia

https://www.aforismario.net/2016/10/frasi-demagogia-e-populismo.html

Parola: DEMOCRAZIA e DEMAGOGIA
Concetto: le differenze tra i due concetti

“Vedete dunque come la parola ‘democrazia’ si presti ad essere deformata in parole che dal punto di vista fonico possono perfino somigliarle, una delle quali è ‘demagogia’. La ‘demagogia’ va esaminata accanto alla parola ‘democrazia’, perché apparentemente la demagogia è la promessa al pubblico di fare ciò che il pubblico vuole. Questo metodo è largamente applicato da chi detiene il potere o voglia conquistarlo.
La demagogia parte da posizioni di solito false, cioè assume come dati di fatto cose che non sono dati di fatto, ma sono auspici, interpretazioni, appello ai sentimenti e agli istinti che esisotono in ciascuno di noi, che sono istinti di egoismo, di felicità a breve scadenza, di prevaricazione, di conservazione, di privilegi corporativi o clientelari”.
“La democrazia consiste nel farsi guidare nell’azione di governo dai bisogni del popolo, vagliati alla luce della fattibilità. La demagogia consiste invece nell’impegno a soddisfare i desideri del popolo ‘indipendentemente dalla fattibilità’.
Il famoso ‘contratto con gli italiani’ (di Berlusconi, ndr) è stato un esempio da manuale di demagogia”.

Eugenio Scalfari, su la Repubblica del 12 novembre e del 27 novembre 2005

io ho appena letto su Facebook  un post in un gruppo di paese in cui un tizio , suo account fb dichiaratamente leghista , visti i commenti per erba non tagliata in tempo, cani che pisciano in giro e altre cosette del genere chiede a costoro se vorrebbero andare in comune in massa a protestare, questa idea della democrazia diretta di stampo fascioleghistagrillino ormai sta invadendo il paese, non si ricorre più ai metodi tradizionali della democrazia , vale a dire ricorsi, telefonate e frequentare pubblici uffici che sono deputati a risolvere le controversie, ci si arrangia da soli, è il fai da te dei cazzotti agli insegnanti e dei fascisti che irrompono in una riunione che non gli va bene, leggono proclami e intimidiscono le persone, è la logica della legittima difesa e del porto d’armi permanente per tutti , se questa è democrazia allora il fascismo cos’è ?

leghismo , cacciatori e scuola , cultura della morte

se poi qualcuno si meraviglia di come la cultura di questo paese stia degenerando, mi pare utile dire che la cultura di destra è questa , la cultura della lega è questa , non oso immaginare che razza di nuove generazioni stiano venendo fuori in zone d’Italia a totale controllo della lega da anni , la cultura della Beretta e della Val Trompia , la cultura delle armi , la cultura della paura e della violenza insegnata a scuola. Trumpismo di bassa lega , tra un pò avremo anche le sedi locali del ku klux klan.

Gardone Valtrompia (Brescia), 11 marzo 2018 – C’era una volta Cappuccetto rosso, sfuggito alle fauci del lupo grazie all’intervento armato del cacciatore, che non sempre recita la parte del cattivo come l’opinione comune sostiene. Così almeno credono in Valtrompia, terra di fucili e tradizioni venatorie, dove la caccia è considerata cosa buona e giusta, da imparare sui banchi di scuola. Tanto che alle Elementari di Gardone e Marcheno da qualche settimana i cacciatori entrano in classe – organizza il Consorzio armaioli – con al seguito cani, volatili imbalsamati e un libro: “Il cacciatore in favola”. Undici storie a cura di tre appassionati della doppietta di Trento, Luca Gottardi, Patrizia Filippi e Daniela Casagrande. Piccole storie che riabilitano il cacciatore in veste di custode della natura, diverso dal bracconiere. Una pubblicazione che, manco a dirlo, ha inorridito gli animalisti, promotori di petizioni a raffica.
«L’obiettivo è fare conoscere ai bimbi la realtà – spiega il presidente del Consorzio Pierangelo Pedersoli – Ovviamente non portiamo in classe le armi. Il cacciatore crea dei giardini in montagna, pulisce sentieri e fossi, tiene in ordine i boschi. E’ una figura positiva. Non siamo né vecchi, né imbecilli. Cacciamo, è vero, ma facciamo prelievi di fauna controllati. E ci occupiamo del contenimento dei cinghiali, la cui espansione è un problema. Gli animalisti siamo noi – decreta Pedersoli – Non chi gira sotto i portici con il cane al guinzaglio e il cappottino».

Basta però lasciare la Valtrompia, enclave di amanti delle uscite domenicali con lo schioppo in spalla, e spostarsi in città per toccare con la mano tra la gente lo sconcerto. «C’è già tanta violenza in giro, ci manca solo che a scuola santifichino chi spara, per carità» sbotta Antonia Adamo. Su una serie di voci raccolte, solo una appare possibilista: «Io ho amici cacciatori che amano il contatto l’ambiente e stop, a volte nemmeno lo usano il fucile», dice Eugenio Falardi.

https://www.ilgiorno.it/brescia/cronaca/gardone-lezioni-caccia-1.3779564
https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/03/14/brescia-i-cacciatori-invitati-in-classe-a-fare-da-maestri-animalisti-progetto-sponsorizzato-da-industria-delle-armi/4223549/

Il proprietario di m5s è Casaleggio jr

alla faccia di uno è uno e della democrazia dal basso , il m5s è sfacciatamente un partito piramidale con un capoccia unico per di più proprietario di un’azienda, tal quale Berlusconi , che però almeno non ha nessuna pretesa nè la faccia tosta di parlare di democrazia dal basso…..

Siccome il proprietario del m5s era Grillo, non mi è chiaro come sia potuto accadere che ora sia Davide Casaleggio e come mai Grillo abbia potuto rinunciare alla sua creatura , l’unica possibile idea che mi sono fatta è che Grillo non può candidarsi perchè è un pregiudicato, mentre probabilmente Davide Casaleggio ha la fedina penale pulita e chissà che in un eventuale futuro magari non trovi anche il modo di candidarsi ? Mah , in ogni caso la piattaforma Rousseau si becca ogni mese 300 euro da parte dei parlamentari eletti … mal che vada qualche soldino entra. Ormai sarà sempre più difficile chiamarli grillini, ma casaleggini fa sembrare il tutto una fabbrica di formaggini…. insomma che a spiegarci la democrazia dal basso sia uno come Casaleggio mi fa nascere legittime preoccupazioni !

https://www.ilfoglio.it/politica/2018/01/31/news/m5s-associazione-rousseau-davide-casaleggio-176085/

http://www.huffingtonpost.it/2018/01/31/davide-casaleggio-e-il-capo-assoluto-dei-5-stelle-lo-dice-lo-statuto-di-rousseau_a_23348599/

http://www.huffingtonpost.it/2013/03/12/ecco-statuto-movimento-5stelle_n_2860351.html

https://www.giornalettismo.com/archives/1398295/perche-beppe-grillo-e-il-padrone-del-movimento

e Trump disse, il mio è più grande !

pensare che la vita di milioni di persone possa essere minacciata da due imbecilli macisti nucleari fa iniziare il 2018 in modo molto poco positivo

http://www.lastampa.it/2018/01/03/esteri/trump-risponde-alle-minacce-di-kim-il-mio-bottone-nucleare-pi-grande-del-suo-q7ooQJOzYjJqvnqx2FtNWI/pagina.html

Abbuffata di Natale

ogni anno a Natale entrando nei supermercati ho la sensazione di sentire aumentare il colesterolo e la glicemia solo GUARDANDO la quantità inaudita di cibo che viene propinata da ingurgitare senza freni , una spaventosa abbuffata di un pianeta culturale occidentale e bianco ricco e pasciuto nonostante crisi economiche varie che include la strage illimitata di animali da cibo, addirittura considerati un PRODOTTO in alcune pubblicità veramente vergognose , nemmeno esseri viventi, come se festeggiare la nascita di Cristo fosse una scarica di colesterolo e zuccheri , ne esco sempre nauseata , ogni anno e immagino i maiali umani che si abboffano davanti al presepe col bambinello Gesù e vomitano odio contro i popoli che di questa abbondanza esagerata e vergognosa   non possono fruire

il biotestamento è legge, giornata storica per la libertà di coscienza

era ora, ora devo solo capire come si compila un DAT e comunque se i vescovi non sono d’accordo mica sono loro a governare,
finalmente si garantisce al malato di decidere del suo destino nel caso che non fosse più in grado di esprimersi , un diritto umano che è sempre stato osteggiato in modo ottuso dalla chiesa che ha sempre voluto dominare le menti e i corpi , come tutte le religioni , in funzione del potere , è un piccolo passo verso la libertà di coscienza degli individui che è sempre stata osteggiata dalle religioni.

http://www.adnkronos.com/fatti/politica/2017/12/14/fine-vita-cosa-cambia_cnhraEpBqp7uVenOkDFPtK.html

Pubblicato il: 14/12/2017 11:24

Dopo aver retto l’urto del voto segreto e l’esame degli emendamenti, la legge sul biotestamento è arrivata al traguardo. Il testo sulle Disposizioni anticipate di trattamento e in materia di consenso informato, già licenziato dalla Camera, è passato senza modifiche al Senato.

La legge è stata quindi approvata in via definitiva con 180 favorevoli, 71 contrari e sei astensioni. Al termine del voto finale, l’aula ha lungamente applaudito l’approvazione del provvedimento.

Cosa prevede la legge

LE REAZIONI – “Biotestamento. Dal Senato via libera a una scelta di civiltà. Un passo avanti per la dignità della persona” scrive su Twitter il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni. Il premier torna sul tema anche al termine della riunione con i leader dei Paesi del gruppo di Visegrad a Bruxelles: “Credo che sia una decisione del Parlamento che fa fare un passo avanti a tutti in termini di civiltà per il Paese e di dignità per la persona umana. Sono molto soddisfatto”.

Per la presidente della Camera, Laura Boldrini, si tratta di “un importante e positivo atto di responsabilità del Parlamento. D’ora in poi i malati, le loro famiglie, gli operatori sanitari saranno meno soli in situazioni drammatiche”.

Il presidente del Senato, Pietro Grasso, parla di “un provvedimento a lungo atteso che ha generato un ampio e acceso dibattito, sia tra le forze politiche che nell’opinione pubblica”. “Ciascun gruppo parlamentare e ciascun senatore ha espresso con forza i propri convincimenti e ogni posizione – sottolinea – merita il più profondo rispetto, nella consapevolezza che quando si esaminano tematiche così dense di significati, di dolore e di speranza, a guidarci devono essere la reciprocità e l’ascolto”.

Ci vorrà “molta attenzione nell’applicazione della legge – commenta la ministra della Salute, Beatrice Lorenzin – Avrei preferito che ci fosse stato il modo di trovare soluzioni a delle problematiche tecniche, e questo purtroppo non c’è stato. Ritengo però che, ora che è stata approvata la legge, si debba rafforzare ancora di più il rapporto tra medico e paziente perché non dobbiamo creare nessun meccanicismo”.

“Ricordiamo però che le Dat non sono l’eutanasia. In Italia l’eutanasia non si pratica, non è legale e non si può fare. Manteniamo distinte le due cose”, evidenzia Lorenzin. Quanto all’importanza di non creare meccanicismi, la ministra della Salute spiega di riferirsi “soprattutto alle persone anziane, alle persone fragili che non devono essere lasciate sole nella malattia. E quindi ci vuole una maggiore responsabilizzazione nelle terapie del dolore, nella cura e nello stare vicino ai pazienti più fragili che hanno oggettivamente più difficoltà”.

“Come ministro – conclude – mi sono sempre rimesso alla libertà di coscienza, ma ora che è legge il Biotestamento va attuato al meglio”.

Matteo Renzi ritwitta un post del Pd sull’approvazione al Senato: “Cinque anni fa un cittadino italiano non aveva il diritto di decidere il tipo di trattamento desiderato nel caso si fosse trovato in una situazione in cui non poteva più esprimere alcuna volontà di scelta. Ora è possibile. L’Italia, oggi, è un paese più civile #BioTestamento”. Poi in un post su Fb scrive: “Si tratta di un passo in avanti nella direzione della libertà e della consapevolezza dei diritti del malato. L’impegno adesso è accompagnare con cura e amore – e sempre maggiori risorse – chi vive la malattia. Accogliere, prendersi cura, accudire. E rispettare la libertà, sempre”.

TAG: Biotestamento, Fine vita, Dat, Senato, Voto