Archivi tag: lega e caccia

Lega , lobby e cultura delle armi

https://www.ilgiorno.it/brescia/cronaca/gardone-lezioni-caccia-1.3779564
https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/03/14/brescia-i-cacciatori-invitati-in-classe-a-fare-da-maestri-animalisti-progetto-sponsorizzato-da-industria-delle-armi/4223549/

https://www.agi.it/politica/possesso_armi_cosa_sapere-4360909/news/2018-09-10/

La lobby delle armi è sostenuta ampiamente in parlamento dalla lega, quello che personalmente mi sconvolge è che le stesse persone che propongono leggi a favore della caccia e dei cacciatori abbiano poi anche incarichi che riguardano la scuola pubblica, Mario PITTONI è il CAPO DELLA COMMISSIONE ISTRUZIONE e ha solo la terza media , tra l’altro, qui stiamo veramente al centro di uno scandalo che nessuno vuole denunciare , nemmeno i grillini che continuano a dire che questo governo del cambiamento eliminerà le lobbies…..falsi e ipocriti come i loro compari

http://www.ilnordestquotidiano.it/2011/10/05/il-senato-approva-la-norma-salva-cacciatori-proposta-dai-senatori-sergio-divina-e-mario-pittoni/

Annunci

leghismo , cacciatori e scuola , cultura della morte

se poi qualcuno si meraviglia di come la cultura di questo paese stia degenerando, mi pare utile dire che la cultura di destra è questa , la cultura della lega è questa , non oso immaginare che razza di nuove generazioni stiano venendo fuori in zone d’Italia a totale controllo della lega da anni , la cultura della Beretta e della Val Trompia , la cultura delle armi , la cultura della paura e della violenza insegnata a scuola. Trumpismo di bassa lega , tra un pò avremo anche le sedi locali del ku klux klan.

Gardone Valtrompia (Brescia), 11 marzo 2018 – C’era una volta Cappuccetto rosso, sfuggito alle fauci del lupo grazie all’intervento armato del cacciatore, che non sempre recita la parte del cattivo come l’opinione comune sostiene. Così almeno credono in Valtrompia, terra di fucili e tradizioni venatorie, dove la caccia è considerata cosa buona e giusta, da imparare sui banchi di scuola. Tanto che alle Elementari di Gardone e Marcheno da qualche settimana i cacciatori entrano in classe – organizza il Consorzio armaioli – con al seguito cani, volatili imbalsamati e un libro: “Il cacciatore in favola”. Undici storie a cura di tre appassionati della doppietta di Trento, Luca Gottardi, Patrizia Filippi e Daniela Casagrande. Piccole storie che riabilitano il cacciatore in veste di custode della natura, diverso dal bracconiere. Una pubblicazione che, manco a dirlo, ha inorridito gli animalisti, promotori di petizioni a raffica.
«L’obiettivo è fare conoscere ai bimbi la realtà – spiega il presidente del Consorzio Pierangelo Pedersoli – Ovviamente non portiamo in classe le armi. Il cacciatore crea dei giardini in montagna, pulisce sentieri e fossi, tiene in ordine i boschi. E’ una figura positiva. Non siamo né vecchi, né imbecilli. Cacciamo, è vero, ma facciamo prelievi di fauna controllati. E ci occupiamo del contenimento dei cinghiali, la cui espansione è un problema. Gli animalisti siamo noi – decreta Pedersoli – Non chi gira sotto i portici con il cane al guinzaglio e il cappottino».

Basta però lasciare la Valtrompia, enclave di amanti delle uscite domenicali con lo schioppo in spalla, e spostarsi in città per toccare con la mano tra la gente lo sconcerto. «C’è già tanta violenza in giro, ci manca solo che a scuola santifichino chi spara, per carità» sbotta Antonia Adamo. Su una serie di voci raccolte, solo una appare possibilista: «Io ho amici cacciatori che amano il contatto l’ambiente e stop, a volte nemmeno lo usano il fucile», dice Eugenio Falardi.

https://www.ilgiorno.it/brescia/cronaca/gardone-lezioni-caccia-1.3779564
https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/03/14/brescia-i-cacciatori-invitati-in-classe-a-fare-da-maestri-animalisti-progetto-sponsorizzato-da-industria-delle-armi/4223549/